Poesie

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
"Storia, Folklore, Arte, Mitologia"
"In tutto il mondo con i SICILIANI"

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani

PUISII * POESIE

Il nostro tempo sembra negato alla poesia. Assistiamo attoniti all'oscillazione tra l'affanno della ricerca scientifica e la ripresa angosciosa dei valori dello spirito. L'uomo è giunto a non sapere più di che cosa sia fatto il suo destino, per quale senso si sia soffermato un po' e ricominciare il cammino. Vi è una sola attenzione tesa a controllare ed annotare, più volte, l'illusorio itinerario della scienza.
Il nostro cittadino, per una lunga serie di vane promesse, rischia giorno per giorno di diventare cinico, insignificante, vàcuo; Ma si sente moderno. E in nome di questo modernismo sta rischiando di perdere il gusto per il bello, l'amore per la poesia, perfino il sentimento della terra in cui vide la luce prima.
Ma essere moderni, significa esternare con linearità e sogno cristiano la nostra presenza d'umanità. Un invito nasce quindi, da queste pagine perfuse di sicilianità, per tutti coloro che vogliono collaborare con sensibilità di figli non spergiuri a saper trovare la parola del poeta fra l'incongruo suono metallico del mondo.
Da secoli il nostro popolo non fa che mangiare retorica. Ora siamo arrivati alla stanchezza, alla noia. E ci svegliamo per abbattere il cavallo di cartone d'una disdicevole retorica e instaurare la dignitosa indipendenza degli spiriti. Il poeta ha anche questa responsabilità. Riportare con il suo canto la società giunta ad uno stato ferino, in una condizione di consapevole presenza e di sentimento. Deve sconvolgere col suo anelito alla realtà l'allucinante visione dei faciloni, deve essere canto puro scaturito dal sogno vichiano della sua storia, senza disdegnare la realtà, ma anzi aderire ad essa addolcendone ogni asprezza. "Gli uomini, non la natura con le sue catastrofi provocano l'amara disperazione del vivere. "Lo sapranno mai i cervelli che si sono addormentati per non avvertire il richiamo della nostra terra, fin dove arriva questa contestazione di Goethe?".
Questi sapienti che si prendono gratuitamente la briga di guidare i destini di un popolo, li pensiamo appena cultori ostinati dell'arida statistica. Per controbilanciare la spietata crudezza che cerca di pervadere la nostra Terra e il suo popolo, noi abbiamo realizzato queste pagine.
Cantate pure, poeti, il tempo è ancora propizio. Deve essere anche vostro perché il poeta parla anche per gli altri. È il portavoce della gioia e della sofferenza dei popoli. Respinge ogni proposito sòrdido o sublime per una sola promessa d'umanità. Attendiamo la vostra opera di collaborazione. La poesia ha una profonda affinità con la religione e con la veggenza. Ed il poeta ne è il vero, grande sacerdote.

Il CSSSS si prefigge l'istituzione di un Archivio per la raccolta di volumi, quaderni, saggi, studi di singoli autori o di gruppi di autori che abbiano caratteristiche comuni. L'organizzazione di incontri, dibattiti, tavole rotonde, convegni, mostre, spettacoli, finalizzati alla ricerca, alla documentazione e alla diffusione della poesia siciliana. Organizza scambi culturali con le nazioni estere e in particolar modo con i paesi del mediterraneo coordinando e collaborando con associazioni, gruppi, enti operanti in tutto il mondo, le cui finalità siano analoghe a quelle del CSSSS.

Poesie

Miniminagghi


  I Trovatori

Pruverbi Siciliani Sicilian Proverbs


  LA SCUOLA SICILIANA


Libri in Lingua Siciliana

POESIE


Vidu dd'occhiuni niri  (Antonello)
Lu Diotru di lu Chianu  (Francesco Buccheri Boley)
Bedda  (Alissandru Caldiero)
Lu mari si sprajò  (Salvatore Camilleri)
Vampugghia  (Enzo D'agata)
Marina Vascia  (Alfredo Danese)
Luntanu e prisenti  (Vincenzo De Simone)
Mungibeddu  (Angelita Emanuele)
Ardenza  (Luciano Gullotto)
Autunnu  (Santo Jacona)
Puisia  (Maria Leopardi)
Giustizia  (Turi Lima)
Ju, Sicilia  (Turi Lima)
C'era la luna  (Giuseppe Nicolosi Scandurra)
A Maria  (Giuseppe Pecora)
Catini  (Sabina Pellegrino)
Basterà chiudere gli occhi  (Marco Piazza)
Sicilia  (Pirro Pirrone)
C’è friddu oggi  (Antonella Pizzo)
Sicilia  (Concita Russo)
Palori  (Marco Scalabrino)
Sutta na pampinedda i celu  (Francesca Schembri)
Matinata d'aprili  (Turi Scordo)
La Libertà  (Domenico Tempio)
Cu sugnu  (Turi Tropea)
Dda lacrima  (Carlo Trovato)
La Ballata dall'Avamposto  (Natale Turco)
'U Ruvettu  (Turi Zappalà)


 I Poeti e la Poesia del mese              


Ritorna alla pagina Poesie


Concita Russo

SICILIA


Non bastanu guardiani o cavaleri
a pruteggiri li tanti biddizzi
ca splennita ti fannu
e disiata.
Ma tu sì sulu un regnu senza capu
in manu di caini
ca cercunu arrubbari li tisori
ppi s'arricchiri e fari li patruni,
senza pinzari a li tò figghi veri
ca, 'nveci, vonnu fariti cchiù bedda
cu tantu amuri, e cu lu sò travagghiu.
Ma sù custritti jiri a la strania,
curpanza di 'sti lupi affamatizzi,
chi non hannu timuri
di dda suprana ca, pi la gran raggia,
jetta lingui di focu
e di duluri
abbrucia li sò pinni.

 
Libri in Lingua Siciliana

 

Mandaci una tua Poesia!

Sabina Pellegrino


 
 

Carlo Trovato

Dda lacrima

Ammucciavi na lacrima
l'ultima vota
ca ti vinni a truvari.
Pi n'attimu, Mà,
ti àppi picciridda
stritta a lu me pettu.
Pi n'attimu
dda lacrima ca non vitti,
mi guidò cu la manu
n-menzu a centu vuci antichi.
Chi tinnirizza ca mi fici
la to gioia cuntignusa
di vidìrimi...
Mi pàrsi c'abbrazzavi
lu figghiu appròticu!
Jù parrava...parrava
senza diri nenti,
riparannumi
di na curpa ca non c'èra,
e tu, muta-muta,
dicevi 'sì' cu la testa
saziannuti
di ogni gestu miu,
di ogni passu...
Sora-sora,
mi scatinasti dintra
na timpesta!
Scinnìi li scali
cu lu pettu di focu
e na li labbra
li suli palori
ca non ti sàppi diri:
' Scusami, Mà,
si divintai granni...
La vita allarga l'ali,
e li celi sunnu tanti '...
Ammucciavi na lacrima.
E non poi sapiri mai
ca ju, n-menzu a la fudda,
mi n'agghiuttìi un mari!

COMPRA SICILIA


Mandaci una tua Poesia!

Alissandru Caldiero

Salvatore Camilleri

Lu mari mi sprajò

Lu mari mi sprajò comu na brogna
a parti sularina
e lu celu firutu
si fici vasciu.
Non cantaru carànnuli alluciati
a l'alba, e la cumeta
non cumparìu,
non spavintò li genti,
non fici di la notti jornu chiaru.
M'arristò la canzuna di lu mari
e lu disìu di celi àuti,
silinziusi aceddi di timpesta,
e a la basciura l'oru di li chiùppira.


Vincenzo De Simone

Luntanu e prisenti


Cch'è beddu, Gnàziu miu, lu me paisi,
'mmenzu a li vuddi e 'mmenzu a li surfari,
e a cu' cci veni, ca 'un havi pritisi,
amuri e pani 'un ci nni fa mancari
E si vidissi, Gnàziu, 'ntra giugnettu
chi festa granni supra l'àira tunna;
li muli, ca cci dùnanu di pettu,
e lu turnanti ca li greggi arrunna;
e guarda a ddu funnali Muncibeddu
a la sdossa di tutti li muntagni;
guarda la Pitralìa, ca fa casteddu,
e Gangi 'nfacci, ca cci fa li 'ncagni:
guarda lu Sarsu e lu ciumi Mureddu,
ca stenni la spicchiera a li campagni
tutti li stiddi a li so' firmamenti,
la luna, ca va annannu, e guarda a mia;
li papanzichichi ccu li so' sturmenti,
lu jacobbu, luntanu, ca picchìa;
e li cani, ca abbàjanu a li venti,
Li surfarar su', li nostri santi,
ca nun hannu 'nnimici e sunu 'n guerra;
trapàssanu la vita a li vacanti,
la morti li smacedda e si l'afferra;
terra biniditta,
ca sempri chiama, e ammatula m'aspetta.


Antonello

"Vidu dd'occhiuni niri"


Vidu dd'occhiuni niri beddi ranni
e lu me cori sempri ci'arrispunni
cu lacrimi cianciuti a tutt'i banni

Picchi' ssa cunnanna a la me vita
cu ssa sbintura sempri travagghiata
e a 'ssi doli sempri issa m'invita?

Dda'ssutta, a unni nasci la zammara
c'e Mata, na figghitta bedda mora
Comu nu ciuri supra na rusara
rigina fra li cosi ca su' fora

L'aura, la sentu a lu matinu
e chissa la sintia di luntanu
Bellu saria si ccu'issa vicinu
a zonzu assemi prisi ppi la manu


Mandaci una tua Poesia!

Turi Tropea

Cu sugnu

Cu sugnu ? Sugnu un simplici varveri,
ca scola picca ni vosi mangiari.
Di picciriddu ci happi lu pinseri,
ca puisia e musica avia a fari.


La notti la passava peri peri,
purtannu atturni, a sunari e cantari.
Lu jornu, ammenzu di lu me misteri,
mi piaceva puru a disignari.


Haju fattu tanti cosi 'ntrà la vita:
dischi, cummedii, drammi, macchittista,
cu passioni granni e assai accanita.


Non haju fattu mai lu camurrista.
Sugnu di cori, di buntà infinita,
e di li puvureddi, 'mprima lista.

Enzo D'Agata

Vampugghia

Diu ti ringraziu ca non sugnu un saggiu
anzi mi fazzu nicu e mi sdilleggiu,
di fronti a tanta scienza m'ammaraggiu
e cu li forzi mei fazzu 'n-cunteggiu.


P'essiri un saggiu ci voli curaggiu:
ed iù di saggiu comu mi cci atteggiu
si non sacciu natari e mi sdisaggiu
ca a stari a galla mancu mi cci arreggiu?


La saggizza voldiri cunquistari
tanta maturità, tanta sapienza
ca ognunu lu cappeddu s'ha livari!


Non sugnu un omu saggiu e mi n'addugnu
ca sugnu na vampugghia e in cunsiguenza
è megghiu daccussì pi comu sugnu.


Mandaci una tua Poesia!

Pirro Pirrone

Sicilia

Terra di la Sicilia
povira e scunsulata,
sempri la stissa storia:
sula e abbannunata.


Bedda, china di suli,
stisa mmenzu lu mari
ppi ttia poca spiranza
di 'nsorgiri e rignari.


N'manu a quattru 'nfamuni
cerchi la tò raggiuni,
cerchi rivinnicari
li torti siculari.

Angelita Emanuele

Lu Mungibeddu

Varda lu Mungibeddu comu fuma,
nuvuli janchi, da carvunedda pura,
quantu è ranni sta bedda criatura,
cu la pipa sempri ‘nta vucca sta.


E quannu non fuma fa scirviddari, sicuru!
na cumparsa ni voli fari,
‘nta notti, ‘nto jornu, cumincia a trimari
finu a quannu una o cchiù botti fa.


Pari siddiata! chi vuci, chi fumu!
Sta vota niuru ievi addivintatu 'nta
tuttu lu celu nu ciumi ha ittatu, ca
appressu a lu ventu si ni va.


Poviri li genti ‘nta li paisi beddi
ca sutta lu fumu sunu nicareddi.


Chiovi pariggiu! pitruzzi e cinisi
‘ncumincia a cascari supra a li casi,
tantu finittu e camurriusu
cummogghia li strati e ogni purtusu
ca dopu jorna pulizziari ni fa.


Ma ‘nta la notti, si iarzi li occhi versu
lu munti nu ciumi di luci russu lu focu
ca scurri e coci tutti l’arburi ca stannu dda.


Passu li uri a taliari la paci ca c’è, lu
ciumi ca scurri, tantu dannu putissi
fari ma quantu è beddu ristari ca.


Li genti di lu nord, ca stannu luntanu
penzunu ca nuatri non capemu lu
piriculu c’avemu, e ni facemu li casi ca.


Ma iddi ‘nta la negghia ci stannu tuttu l’annu,
lu suli, u mari, u munti nun cci l’hannu,
ma tuttu vicinu a nui, avemu ca.


Ma lu piriculu non veni sulu di lu munti,
e unni ninni iemu ca piriculu n’avemu?
A Diu n’affidammu tantu mi ni teni
luntanu ‘nto mumentu di lu dannu.


Picchì ‘nta lu nostru cori nu pocu ni
scantammu, ma luntanu pi daveru
megghiu stamu?


Gudemunilla a nostra terra ca tantu
bedda era e ievi ancora, e tantu cchiù
bedda putissi addivintari.


Si la genti a travagghialla si mittissi e
ognunu nu pizzittu ni curassi.


Ma ricuddaminillu: ca, di la cima, e
scinnennu finu o mari tuttu lu
Mungibeddu è di taliari.

Turi Scordo

Matinata d'aprili

La luna sta cuddannu, e ora lassa
lu scuru ca s'abbrazza celu e terra,
non si senti lu cantu di la merra,
sulu lu chiuzzu all'àrvulu si spassa.


Casca lu jelu e lu tirrenu attassa,
all'arvulami tènniri fa guerra,
e l'ervi nichi, pri li chiani, afferra,
l'ammàcia tutti e li fogghi cci abbassa.


Ed iu suliddu, caminannu, sentu
pididòzzu di genti appressu a mia,
e li rami ca sbàttunu a lu ventu.


O luna, tu ca cerchi di cuddari,
no, non cuddari, fammi cumpagnia,
prima ch'agghiòrna non m'abbannunari !.

Libri in Lingua Siciliana

Antonella Pizzo

C’è friddu oggi

C’è friddu oggi
C’è friddu stamatina,
nu friddu umidu
ri chidhu ca trasi
rintra a-ll’ossa.
Risiatu m’avissi
ri stari cuccata
nto ma liettu.
I pieri friddi
assira mi sintia
accussì friddi
ca pi tutta la notti
nun si cauriarru.

Mi nasciu ‘n-pinzieru
assira
n’unicu pinzieru
n’pinzieru nicu nicu.
E ju pi distrairimi
mi misi a ‘ssicutallu
curiusa ri sapiri
unn’è ca ia a finiri.
Sinniu ‘cussì luntanu
ca mi fici stancari
i caminari.
Si firmau
quannu ancuntrau
i mo pinzieri viecci
pinzieri stanchi
pinzieri siddiati
ca nun riniesciunu
a truvari a strata nova
pinzieri stuffi
ri falla sempri a stissa,
e a chisti nun ci
parsi veru
r’incuntrarini unu nuovo
e allura si misunu a parrari
e ficiunu nu baccanu
ranni
ca nun capìi cciù nnenti.
Finiu allura,
ca passai la notti sveglia che pieri sempri cciù friddi
ca testa sempri cciù cunfusa.


 

Mandaci una tua Poesia!

Marco Scalabrino

Palori

Certi palori sunnu duri
duri chiù di autri
a ncrucchittari.

Ntantu mi scòncicanu
mi cunnucinu
manu manuzza
m'ammustranu mari
e munti
e universi trascinnenti
e poi
addimuranu
s'annacanu tutti e scialanu
si siddianu e l'aju a prijari.
E quannu nfini
comu iddi vonnu
n'attrappu un paru ...
s'ammuscianu di bottu
li curtigghiari
comu ddi veli
abbuturati di bunazza.

Unni è lu truccu allura
mi dumannu
e comu ponnu
e a cui fannu scantari
cristalli raciuppati nna li stiddi
minni amurusi di matri
ciarameddi
trazzeri addumati di libirtà
tozzi di paci
virità:
palori.

COMPRA SICILIA

Fatti conoscere. Mandaci una tua Poesia!

Ascolta le poesie

Marco Piazza

Basterà chiudere gli occhi

Quando vorrai andare
ti basterà chiudere gli occhi.
Dignitoso procedere nella vita:
sempre disposto ad essere te stesso,
a donare la suggestione di una tua emozione.
Sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo,
di capire l’ignoto
di assaggiare il fato.
Quando vorrai andare
ti basterà lasciare il cuore,
basterà lasciarsi liberi nel campo
nell’espanso respiro del tempo.

Turi Scordo

Matinata d'aprili

La luna sta cuddannu, e ora lassa
lu scuru ca s'abbrazza celu e terra,
non si senti lu cantu di la merra,
sulu lu chiuzzu all'àrvulu si spassa.


Casca lu jelu e lu tirrenu attassa,
all'arvulami tènniri fa guerra,
e l'ervi nichi, pri li chiani, afferra,
l'ammàcia tutti e li fogghi cci abbassa.


Ed iu suliddu, caminannu, sentu
pididòzzu di genti appressu a mia,
e li rami ca sbàttunu a lu ventu.


O luna, tu ca cerchi di cuddari,
no, non cuddari, fammi cumpagnia,
prima ch'agghiòrna non m'abbannunari !.

Libri in Lingua Siciliana

Antonella Pizzo

C’è friddu oggi

C’è friddu oggi
C’è friddu stamatina,
nu friddu umidu
ri chidhu ca trasi
rintra a-ll’ossa.
Risiatu m’avissi
ri stari cuccata
nto ma liettu.
I pieri friddi
assira mi sintia
accussì friddi
ca pi tutta la notti
nun si cauriarru.

Mi nasciu ‘n-pinzieru
assira
n’unicu pinzieru
n’pinzieru nicu nicu.
E ju pi distrairimi
mi misi a ‘ssicutallu
curiusa ri sapiri
unn’è ca ia a finiri.
Sinniu ‘cussì luntanu
ca mi fici stancari
i caminari.
Si firmau
quannu ancuntrau
i mo pinzieri viecci
pinzieri stanchi
pinzieri siddiati
ca nun riniesciunu
a truvari a strata nova
pinzieri stuffi
ri falla sempri a stissa,
e a chisti nun ci
parsi veru
r’incuntrarini unu nuovo
e allura si misunu a parrari
e ficiunu nu baccanu
ranni
ca nun capìi cciù nnenti.
Finiu allura,
ca passai la notti sveglia che pieri sempri cciù friddi
ca testa sempri cciù cunfusa.

  

 
Mandaci una tua Poesia!

Marco Scalabrino

Palori

Certi palori sunnu duri
duri chiù di autri
a ncrucchittari.

Ntantu mi scòncicanu
mi cunnucinu
manu manuzza
m'ammustranu mari
e munti
e universi trascinnenti
e poi
addimuranu
s'annacanu tutti e scialanu
si siddianu e l'aju a prijari.
E quannu nfini
comu iddi vonnu
n'attrappu un paru ...
s'ammuscianu di bottu
li curtigghiari
comu ddi veli
abbuturati di bunazza.

Unni è lu truccu allura
mi dumannu
e comu ponnu
e a cui fannu scantari
cristalli raciuppati nna li stiddi
minni amurusi di matri
ciarameddi
trazzeri addumati di libirtà
tozzi di paci
virità:
palori.

COMPRA SICILIA

Fatti conoscere. Mandaci una tua Poesia!

Ascolta le poesie    Torna alla Homepage

Scrivici!


Tutti i diritti sono riservati-Copyright 1996/2020
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania
Realizzazione CEM 21/02/1996
Tutto il materiale presente in questa pagina è riservato. L'uso, l'utilizzo e il transfert sono soggetti ad autorizzazione.