Turi Tropea
TRINACRIA POETICA
POETI SICILIANI
ALLA RIBALTA

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
"Storia, Folklore, Arte, Mitologia"
"In tutto il mondo con i SICILIANI"

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani

Logo Antenna Trinacria Catania
TURI TROPEA
Nato a Riposto Ct il 27/03/1907 - Morto a Catania il xx xx xxxx

"...O t'affenni, o ti siddii, figghia mia, stu ciuri c'Ŕ! Si voi godiri cu mia, t'arripetu, stu ciuri c'Ŕ!"

Compagnia Teatrale Attori 2000

Passatempu

Turi Tropea nasciu a lu Ripostu, lu 27 marzu 1907. A la scola, causa c'arristau orfunu di patri e matri, ci jvu picca, la terza limintari. Doppu na para di jornadi la nascita, lu purtanu a Catania 'nta li nanni paterni e di tannu sta a Catania. Fici tanti misteri, lu pitturi, lu picciottu pannitteri, lu cummessu di nigoziu e puru dilittanti atturi e macchittista, poi difinitivamenti si 'mparau lu varveri. Sparti du tuttu chiddu c'at'aliggiutu 'ntra stu libriceddu, Turi Tropea ha scrittu cummedii in prosa e in musica, comu "Lu varveri e la pilucchera", 3 atti; "Ternu 'nsiccu", 3 atti; "Don Paulu spaghettu", 3 atti; "Amuri, amuri", 2 atti musicali, musica di Lucianu Maglia. Tutti sti cummedii sunu stati giÓ rapprisintati di tanti cumpagnii siciliani. Ha pubblicatu puisii, canzuni e raccunti, 'ntra tanti giurnali siciliani. E pi ora puntu e basta.
Nel 2005, la figlia del poeta, Maria, la terza di tre figli che Turi Tropea ha avuto dalla moglie Grazia, pubblica il libro di poesie: "N'arvulu ccu cincu rami" inserendo nella raccolta una poesia del padre. La poesia Ŕ intitolata, "All'amici di lu dialettu". Oltre a questa poesia, il libro ne contiene una che la figlia Maria dedica al padre, dal significativo titolo: "A me Patri".

Cu sugnu

Cu sugnu ? Sugnu un simplici varveri,
ca scola picca ni vosi mangiari.
Di picciriddu ci happi lu pinseri,
ca puisia e musica avia a fari.


La notti la passava peri peri,
purtannu atturni, a sunari e cantari.
Lu jornu, ammenzu di lu me misteri,
mi piaceva puru a disignari.


Haju fattu tanti cosi 'ntrÓ la vita:
dischi, cummedii, drammi, macchittista,
cu passioni granni e assai accanita.


Non haju fattu mai lu camurrista.
Sugnu di cori, di buntÓ infinita,
e di li puvureddi, 'mprima lista.


Turi Tropea ha composto una canzone dedicata ad "Acitrezza" e musicata dal maestro Luciano Maglia:


"LU PISCIARU DA TRIZZA"
Vivi di ora su, vivi di ora
"Sugnu trizzotu, e sugnu marinaru
e passu ogni matina di sta strata,
ccu sta vilanza e stu nicu panaru
vinnennu pisci di la me cuntrata.
E vanniannu pisci di la Trizza
s'affaccia na carusa bedda e rizza.
E mi dici: "Cumpareddu, cchi c'Ŕ 'nta stu panaru?"
Iu c'arrispunnu: "Opi da Trizza e du Casteddu!"
E mentri ca cci fazzu la pisata,
ci la vulissi dari na vasata...
Ora ca s'impar˛ la vuci mia,
quannu vanniu s'affaccia e poi m'arriri
cu st'ucchizzi di stiddi mi talia,
sa' quanti cosi mi vulissi diri
Mentri cu l'occhi la luci mi manna,
cu dda vuccuzza duci m'addumanna.
RITORNELLO...
E mi dici cumpareddu chi c'Ŕ 'nta stu panaru?
iu c'arrispunnu opi da Trizza e du casteddu
e mentri ca ci fazzu la pisata,
ci la vulissi dari na vasata.
Intra stu panareddu c'Ŕ sarvata
na rosa bedda e russa comu a idda,
ora ci tornu a passu di sta strata,
pi vidiri s'attrovu a sta pupidda.
E ci la dugnu cu tuttu lu cori,
accumpagnata di sti dui palori.
Pigghiativi stu ciuri ciatu di l'arma mia,
ca vi la dugnu st'anima pirchÝ vi cercu amuri
e ci lu vogghiu dari 'n vasuneddu
'nta stu mussiddu duci e tantu beddu.

TRADUZIONE (alcune parole sono state riportate in lingua originale per lasciare intatta l'intensa emozione affettiva).

(Vivi di ora sono, vivi di ora, boghe e monacelle di Ognina. Sono di Acitrezza, e sono marinaio - e passo ogni mattina per questa strada - con questa bilancia e questo piccolo paniere - vendendo pesci della mia contrada. E "vanniannu", vendo pesci di Acitrezza - s'affaccia una giovinetta bella e riccioluta. - E mi chiede: Compare mio - cosa portate in questo paniere? Io le rispondo: boghe di Acitrezza e Aci Castello. E mentre le peso il pesce - le vorrei dare un bacio... Ora che ha imparato la mia voce - quando "vanniu" si affaccia e poi mi ride, - con quegli occhi di stelle mi guarda - chissÓ quante cose vorrebbe dirmi. - Mentre con gli occhi la luce mi manda, - con quella boccuccia dolce mi domanda. - E mi dice comparello cosa c'Ŕ in quel paniere - io le rispondo boghe di Acitrezza e di Acicastello - e mentre le peso il pesce - le vorrei dare "na vasata". - Dentro questo paniere c'Ŕ conservata - una rosa bella e rossa come lei - ora ci torno a passare da questa strada, - per vedere se ritrovo questa "pupidda". - E gliela d˛ con tutto il cuore, - accompagnata da queste parole: - Prendetevi questo fiore alito dell'anima mia, - che ve la d˛ quest'anima perchÚ vi cerco amore - e le vorrei dare "'n vasuneddu" - in quel musetto dolce e tanto bello.).

Il libro di Maria Tropea, figlia del poeta Turi Tropea.
N'arvulu ccu cincu rami, raccolta di poesie.


Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana   Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana

Altre informazioni su Turi Tropea si possono trovare sul periodico "JU, Sicilia" edito dal CSSSS di Catania.

POTETE FARE UNA DONAZIONE PER SOSTENERE UN PROGETTO DEL CSSSS

Donate

Libri in Lingua Siciliana

Personaggi    Torna alla Homepage

Scrivici !


Se si parla di Sicilia: CSSSS!


Tutti i diritti sono riservati- Copyright 1996-2021
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania