Poesia del Mese1

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
"Storia, Folklore, Arte, Mitologia"
"In tutto il mondo con i SICILIANI"

TRINACRIA POETICA

Libri in Lingua Siciliana

Ascolta la Poesia  La Poesia del mese: "Na Lacrima" di Alissandru Caldiero              

CSSSS

Alfredo Danese

Catanese del 1916, è, prima di tutto, attore, poi regista, e infine autore teatrale con all'attivo una ventina di testi, fra cui i più noti sono 'U gruppu d'a cravatta e Cosi di pazzi. La poesia, più che una passione, è stata un'ancella di cui si è servito per approntare quartine e ottave e dare così una nota di folklore alle sue regìe. Ma non è questo il solo peccato di Danese: è stato sempre pronto a scrivere versi d'occasione, per nascite, matrimoni e lauree; peccati veniali, d'accordo, soprattutto perchè il loro autore ha avuto il buon senso di non imbracarsi fra i seguaci d'Apollo, ma sempre peccati, e Alfredo lo sapeva, e voleva rimediare. E così appena un ritaglio di tempo glielo consentiva, eccolo chiuso nella sua stanzetta a leggere e meditare i suoi poeti, siciliani e no, a colloquiare con essi, a darsi ragione del perchè e del come.

I primi risultati si ebbero nei convegni e nelle riunioni in cui si parlava di poesia siciliana: i suoi interventi erano precisi e puntuali e abbracciavano tutta la problematica della poesia siciliana d'oggi, dalla forma al contenuto, dalla analogia alla necessità di una maggiore adesione alla realtà. E, dopo le parole, i fatti, cioè le poesie. La redazione di " Arte e Folklore ", al corrente delle poesie che Alfredo andava scrivendo, gli dedicò due colonne del giornale, pubblicando quattro delle sue liriche. Fu una rivelazione per tutti, sia per la perizia formale, sia per la moderna elaborazione dei contenuti. Un mondo amaro e grigio emerge dai suoi versi, una visione triste della realtà: lo stesso mondo del suo teatro, ma qui, nel breve giro della poesia, mi sembra meglio espresso, per la tensione lirica che lo sostiene, per l'immediatezza espressiva, il gioco delle immagini.

Purtroppo rari sono i momenti che Alfredo può dedicare alla poesia, essendo molti gli impegni teatrali, anche se ormai solo di regìa e non di compagnia; pur non di meno, il rifugio nella sua stanzetta è sempre uno dei suoi migliori momenti, e così le poesie si accumulano alle poesie, anche se lentamente. Oggi il lettore può leggerne di altre, e chissà che domani non ci scappi il volume... Alfredo Danese ha pubblicato un volume "Teatro Popolare Siciliano" (1978), che contiene tre sue farse, e la commedia ' gruppu d'a cravatta, anch'essa del 1978.

Le Poesie

Marina Vascia

Un celu di chiummu
supra un mari quagghiatu,
nìuru, di pici.

Ariu greviu,
varchi ca cumplottanu
tra dormi-vigghia,
veli senza vita
abbrazzati ad albiri maistri,
buzzeddi a pinnuluni
ca chianciunu
lacrimi di corda;
casuzzi vasci a riba
ntrusciati di silenzii...

non si dormi
a la marina vascia,
non si dormi
cu st'afa,
stu celu cubu
appujatu a lu mari
senza vita...

Un pettu pantacìa
e astuta
l'unica stidda 'n-celu.

Malidittu lu suli

Jù mortu
mi vippi lu to ciatu
e briviscii.

Tu ragnu,
tissisti tila d'amuri
e mi vistii.

Filici
di st'occhi
cascò 'nterra na lacrima,
sbucciò 'nlettu di ciuri
unni abbrazzatu
m'addurmiscii cu tia.

Quannu lu suli
smuntò la luna
e addumò la jurnata
mi truvò sulu,
nudu
e sbannutu...

Malidittu lu suli!...

CSSSS

Santo Jacona

Santo Jacona è nato nel 1924, è il poeta dello sfascio, il poeta che guarda con occhi atterriti il mondo che ci sta crollando addosso, giorno dopo giorno. E se a Marina di Melilli (SR) il sole non spunta più, se nel cortile si vedono li carusi ma non la carusanza, se la scienza si è fatta storta, volta allo sterminio, rimane ancora, in un angolo del cuore, la speranza che Tramuntana e Sciroccu facciano pace.

Questo il mondo di Jacona, questo il suo dramma d'uomo spaventato in una realtà in cui gli uomini hanno perduto la loro humanitas e tendono tutti e con tutti i mezzi solo alla conquista di beni passeggieri e ingannevoli.

E' il dramma dei tempi, il dramma che ci vede tutti impotenti, di fronte all'avanzata del male, di fronte al crollo dei valori che da millenni hanno cementato la nostra civiltà; il dramma di tutti e di ciascuno, il dramma del ricco in quanto ricco, del povero in quanto povero; il dramma di chi sa e di chi non sa. E nessuno fa nulla, come se la rovina non ci toccasse, e tutti corrono per trarre maggior vantaggio possibile del crollo, dalla rovina, senza nessun tentativo di allontanare il pericolo, di ritardarlo, senza nessuna voglia di costruire i vecchi valori, ormai usurati, con i nuovi, nati dal travaglio del presente.

In questo rovello vive Jacona, vittima come tutti, ma non rassegnato al destino inevitabile; e se gli occhi sono spaventati, il cuore non lo è, e si difende, con le sole armi di cui dispone, cioè con le armi della poesia, per mostrare agli uomini lo sfascio a cui vanno incontro, la rottura inevitabile e ineluttabile La poesia di Santo Jacona non si pone problemi di forma; i suoi problemi sono di vita, sopravvivenza, per cui diventano bizantinismi tutti quei problemi che si allontanano dal problema principale, che è quello di responsabilizzare gli uomini per mezzo della poesia.

Le Poesie

TRAMUNTANA

Oh! ventu straneru,
ventu malacunnutta,
chi vòi di chiù
di ssu rufulìu jancu
grapi canneddi,
ca sbrizzìa lu civu
pi nutricari albi di jelu.
Chi vòi di chiù
di ssu cumannu n-punta di zotta
ca fiddìa facci
di Cristi senza nomu.
Talìa la terra comu sfìgghia,
talìa l'aceddi comu mòrunu,
talìa sti ròciuli
comu s'arrùsicanu li me' jita;
cerma ss'ardenza!
Tu ca duni mmesta a lu suli,
tu ca npetri l'acqua cu lu ciatu,
tu c'attassi lu sangu a li scicati;
cerma ss'addenza!
Oh! Tramuntana,
si dumani scinni ammeri jusu,
stenni la manu a lu ventu di casa
e mentri vui spazziati celu-celu
sutta 'n-triunfanti arcubalenu,
purtati la nutizia a li me' frati:
Tramuntana e Sciroccu
ficiuru paci.

AUTUNNU

Ciùscia lu ventu ùrvulu e furiusu,
rummuliannu palori senza senzu,
ntappa, sfurrìa, curri strati-strati,
trasennu pi li ngagghi nta li casi

Vrazza e manu cu li vini di fora,
n-cima di l'arvuli,
salutanu ogni passanti,
mentri na fogghia gialinusa
supra la me spadda,
talìa li so' cumpagni
jucari a furialoru.

E' autunnu:
strazzi lordi stinnuti n-celu,
tinciunu òmini e cosi
di lu stissu culuri,
ntantu, trapana, l'acqua a linzolu
tetti e ossa di li puvireddi

Scìddicanu arreri na vitrina,
sbrizzi jancunusi, lintamenti,
li talìu ntrignu-ntrignu
e mi cumpari
na facci tanta cara a lu me cori.
Mi stricu l'occhi e li jita mi vagnu:
sunnu lagrimi? E' pioggia?...
Ah! comu vurria essiri 'n-girasuli!

CSSSS

Maria Sciavarrello

Nata a Maletto nel 1954, Maria Sciavarrello è stata per circa quattro anni la beniamina del sodalizio "Arte e Folklore di Sicilia", senza mai mettersi in mostra, senza mai dare ombra a nessuno. Gli altri scrivevano, e lei leggeva; gli altri recitavano, e lei ascoltava; gli altri dibattevano problemi di poesia, di teatro, di cultura siciliana, e lei non interveniva, assorbiva il meglio di quelle discussioni e lo faceva crogiolare dentro di sé. Di tanto in tanto pubblicava qualche nota, recitava qualche verso senza dare all'occhio. All'improvviso, quando i più erano abituati a considerarla soltanto come una semplice appassionata delle nostre cose, e null'altro, Maria esplose. I suoi allievi - insegna drammatizzazione come attività integrativa - cominciarono a uscire dall'ambito della scuola e a dare spettacoli di notevole impegno, richiesti un pò dovunque; lei cominciò a recitare versi siciliani, ma con tale serietà, con tale studio, da non passare inosservata, da divenire la beniamina di larghi strati di ascoltatori catanesi; le emittenti locali se la contendono, e così gli enti pubblici e le biblioteche dove di solito si recitano versi. La sua interpretazione dei versi della Barunissa di Carini ha fatto epoca.

Tutti sapevamo che scriveva versi, ma nessuno li aveva mai ascoltati, o letti. Finalmente, dopo tanta attesa, la nostra curiosità oggi viene appagata, e alcuni li possiamo ammirare in questa pagina, che vuole essere anche un trampolino per i giovani più promettenti. Sono versi che non sono nati dal nulla, per orecchiamento, anzi possiamo dire che sono stati partoriti con gran dolore, come si può rilevare dal superamento dei facili ritmi, dall'abbandono degli impasti tradizionali, dal rifiuto delle frasi fatte o di effetto. Una poesia che per adesso si pone come intelligenza e gusto, ancor prima che come resa; una poesia che si è liberata della molta gramigna che gremiva e isteriliva il campo di grano della nostra poesia, anche se la raccolta non si prevede come vicina. Intanto, da questo saggio, il lettore può farsi una prima idea.
Laureatasi con una tesi su Antonio Veneziano e la poesia del primo petrarchismo, Maria Sciavarrello, sta preparando un'edizione della "Celia". Fra i suoi estimatori troviamo anche Fortunato Pasqualino.

Le Poesie

LIBIRTA' D'ACEDDU

E la zotta scattiava
cu santiuni a la mula
ca non vuleva pisari
lu jirmanu

Avissi pututu mangiari
pani jancu tuttu l'annu
lu patruni.
Mangiava pani nìuru
e santiuni

E zuttiava, zuttiava
a tutti li muli
finu a quannu
non putevanu jittari chiù càuci.

La zotta scattiava
e lu sangu sbuttava d'ogni vina,
ma nta lu cori di tutti
crisceva
libirtà d'aceddu.

SBANNUTU

Jòcanu acchiappa-acchiappa
davanti a la Matrici;
lu suli si l'agghiutti lu mari.

senza pinzeri,
la facci paparina,
jòcanu li carusi

Sona lu mortoriu:
dui di li chiù granni

Sbannanu lu chiù nicu...
..." Morsi l'onuri di to matri! "

Fatti conoscere con una pagina PERSONALE

Turi Scordo

Caru litturi miu, si trovi sbagghi, non c'è bisognu ca ti maravigghi, pricchì suddu simini 'nsurcu d'agghi certu, ca tutti grossi non li pigghi; suddu cerni frummentu, o puru spagghi, ci trovi 'nmenzu tanti cuculigghi, perciò, sunnu accussì li me travagghi ca ci sù cosi boni e c'è mmischigghi.
Pirduna, si ti parru di campagni, di giardini, di mennuli e di vigni, d'acqui currenti, di vadduni e stagni, cugghitura d'alivi e di vinnigni, d'armenti, pasculari a li minzagni, lochi ad'umbrati di carrubbi e pigni chisti, Litturi miu, si non ti lagni, ti nni veni ccu mia ca ti li 'nsigni.
Poi, quannu spacca l'arva, a la matina, senti lu cantu di lu rusignolu, o sia, di passareddu, o currintina, ca ni dunanu a nui tantu cunsolu; vidi, supira l'ervi, l'acquazzina ca squagghiari la fa lu vinticciolu, perciò, cui a la campagna s'avvicina vidi chiddu ca vidi 'ncampagnolu.
Si tu cci veni 'nta la Primavera, trovi, 'ntra la campagna, 'na pittura, appena spunta la cilesti sfera vidi 'na puddiredda in' ogni ciura; cci facemu, a li vigni, la spulera, di lu fenu si fa la mititura, e ccui non vidi chistu si dispera pricchì c'è 'nparadisu addirittura.
Non ti nni parru di lu vinnignari ca ti nni parru appressu, o miu Litturi, vacci, si poi, e mettiti a guardari, ca sù 'ncampagna li sceni d'amuri; vidi la racinedda carriari, ccu cannistri, cruvecchi e tiraturi, e 'ntra l'assemi, sentili cantari, ch'a lu stissu sintillu ti 'nnamuri.

Da Musa Campagnola Liriche Siciliane

A LA SICILIA

Sicilia bedda mia terra di focu,
li preggi toi, a cantari non' agghicu,
pricchì spuntunu ciuri in' ogni locu,
e lu Suli ti varda, sennu a picu;
trasennu marzu, l'aceddi sù gnocu,
trippa lu voi e l'agnidduzzu nicu,
la viti, và sbucciannu a pocu a pocu
mentri ca fà lu jettutu la ficu.

Ma su lu sensu miu era chiù avanti
cantava li tò preggi cchiù cuntenti,
cantava lu to mari trimulanti,
e li varcuzzi toi ca vannu lenti;
cantava li paîsi e l'abitanti,
li voschira, li pasculi e l'armenti,
'nsumma, canzuni, nni faceva tanti,
cchiù megghiu assai di chisti e cchiù eccillenti.

Nascivi 'ntra la terra e mi nni vantu,
e lu to affettu a lu cori lu sentu,
e comu figghiu to, ti staiu accantu,
ca non ti lassu mancu pri 'nmumentu;
e quannu sugnu, sularinu, all'antu,
fazzu canzuni e azzappannu n'allentu,
'nsumma, Sicilia mia, t'aduru tantu
ca m'abbunni di frutti e di frummentu.

Pri ccui, tu sì 'na magica pittura,
tuttu regna nni tia, non poi nijari,
e ccui ti varda si 'nnamura
pricchì li toi biddizzi sunnu rari.
Quannu spunta lu Suli t'accalura,
la voria ti veni arrifriscari,
lu mari sbatti nta scuggheri e mura
pricchì la terra vurissi abbrazzari.



CSSSS

Libri in Lingua Siciliana

Trimestre precedentepagine successive

Torna alla pagina Poesia    Torna alla Homepage

Se desiderate informazioni, inviateci una E-mail.


Indirizzo Web 
www.csssstrinakria.org
 

Oggi è :
Fatevi conoscere. Inviateci le vostre poesie


   


Tutti i diritti sono riservati - Copyright 1996-2011
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania