Mitologia

MITOLOGIA SICILIANA
Dalle Origini

Questo spazio vuole introdurre il lettore nell'appassionante mondo dei miti, da alcuni chiamato giungla, i quali, malgrado tutto ciò che si è detto e scritto, almeno negli ultimi due secoli, serbano pressocchÚ intatto il loro misterioso fascino. PoichÚ siamo in un'epoca di revisionismo generale dei valori non solo storici ma anche e soprattutto mitologici, abbiamo ritenuto necessario per alcuni personaggi, aggiungere notizie dell'ultima ora attinte da testi di mitologia.

ACADINA    ACATE    ACESTE    ACI    ADRANO    AFRODITE    ALCATOO    ALFEO    ANCHISE
ARETUSA    BRONTE    CALLIOPE    CARIDDI    CIANIPPO    CIBELE    COCALO    DAFNI    DEMETRA
DIOSCURI    EFESTO    ENCELADO    EOLO    ETNA    FAUNO    GALATEA    MEGARA   
PALICI    POLIFEMO    SCILLA    VULCANO

Mitulugia mmuffunijusa AFRUDITI Autri storii Mitulugia mmuffunijusa CARIDDI

ACADINA (mitologia greca)

Fonte della Sicilia, consacrata ai fratelli Pàlici, celebre nella mitologia greca.

ACATE (mitologia greca)

Personaggio dell'Eneide, compagno di Enea di proverbiale fedeltÓ. Cittadina in prov. di Ragusa.

ACESTE O EGESTES (mitologia romana)

Figlio del dio fluviale Criniso e della troiana Egeste; fondò la città di Egesta (oggi Segesta) in Sicilia, dove accolse Enea fuggito da Troia, aiutandolo poi a seppellire il padre Anchise nei pressi del monte Erice.

ADRANO O ADERNĎ (mitologia romana)

1. Dio indigeno del fuoco e delle acque, venerato nella città di Adrano o Adernò o Adranon (provincia di Catania) fu fondata da Dionisio intorno al 400 a.C. e conquistata da Timoleonte verso l'anno 334 a.C., sconfiggendo il tiranno Iceta. Contrariamente agli scrittori antichi, gli autori più recenti pensano che la città sia sorta nel territorio del Mendolito, presso il fiume Simeto, da dove provengono bronzi ed iscrizioni. Il dio ctonico Adrano, trasposto nel greco Efesto, era adorato in tutta la Sicilia, e cosý anche il cane simbolo squisitamente spirituale d'amicizia e di fedeltÓ protettrice testimoniato per Adrano, Argirio, Messana, Segesta e molte altre localitÓ. 2. Epiteto di Cibele, derivatole da un tempio dedicatole da Adrasto.

AFRODITE (mitologia greca)

Dea greca dell'Amore, della bellezza muliebre e della fecondità. I romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di feconditÓ e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto di Afrodite si diffuse in Italia fino a Roma dove fu venerata col nome di Venus Erycina. Secondo Omero nacque da Zeus e da Dione; per Esiodo emerse dalle acque del mare fecondate dal seme di Urano, presso l'isola di Cipro. Nata dal mare Afrodite veniva venerata dai naviganti non come Poseidone ma come colei che rende il mare tranquillo e la navigazione sicura; molto affine alla fenicia Ishtar, dea dell'amore sensuale, il cui culto contemplava la prostituzione sacra. I Greci chiamarono Ishtar Astarte, identificandola con Afrodite. Per volere di Zeus Afrodite andò sposa al bruttissimo e storpio Efesto, ma avendo ella una natura sensuale e maliziosa, ebbe molti amanti sia fra i mortali che fra gli dei dell'Olimpo fra cui Bacco (che la rese madre delle Cariti e di Imene); Poseidone (col quale gener˛ Rodo); Deýmos e Fobos da Ares; Ermes (nacque Ermafrodito): L'itifallico Priapo dall'orgiastico Dioniso ed Enea dal saggio Anchise. Gener˛ molti figli tra cui Armonia, Eros (l'amore) e Anteros (l'amore corrisposto). Ebbe santuari famosi a Cipro e Citera.

Mitulugia Mmuffunijusa (Afruditi)

La chi¨ bedda di li divinitÓ; dia di la biddizza e di l'amuri. Era peggiu d'a Barbuscia. A suli tridici anni, 'nciurau supr'a visticedda 'i l'occhi chi mai chi¨ avirria passatu 'na notti 'nto so' lettu sula.

Idda era scuncicusa assai e, quannu pý cocchi stranu e raru mutivu non si putia fari vidiri a nuda, stava chi cosci aperti p'u piaciri di farisi vaddari li s˛ ngagghi. Sapennu chi li navicaturi, stannu troppu tempu mari mari, non aviunu autru cunfortu chi pinsari a li s˛ fimmini, idda, niscennu d'i cavadduni, ci cumparia sutt'ê fattizzi d'i ziti e d'i muggheri.

Succidia, allura, chi cocchi poureddu 'i chiddi, spinciutu d'u desidderiu ranni, si jittava a mari a sammuzzuni finennu li s˛ jonna. Afruditi, essennu dia di l'amuri sinsuali, annava d'accordu cu tutti li buttani chi ogni notti, 'nnacannusi 'u culu, passiaunu ô portu. E, siccomu idda si nn'addunau chi li bastasi, troppu ô spissu ,ci bruciavunu 'u pagghiuni ê so prutetti, si primurau di ricugghirili 'nta 'na specia di cungreca, e quannu l'eppi tutti sutta a l'occhi, parrannucci chi¨ comu a 'na soru chi comu a 'na dia, ci dissi:

╚ ura chi vi rinniti cuntu chi lu fatu vi criau apposta pý 'ffidarivi la missioni di cunsulari all'omini, e, supr'a tuttu a chiddi chi, pý cosianti d'i sciarri o d'i travagghi, campinu luntani d'i muggheri. E, siccomu tutti chiddi chi opirannu pý cuntu di li dii fustu signaliati, di stu mumentu in poi, non siti chi¨ buttani, ma saciddutissi mei, e comu a tali, non putiti fari chi¨ li biniditti opiri vostri 'nta li gnuni e 'nta li cantuneri comu faciu prima, ma v'aviti a ritirari 'nta li templi mei unni tuttu chiddu chi facirriti cu li me' divoti, j˛ l'avirrogghiu comu a sacrificiu giustu e l'accittirrogghiu cu preju comu a opira santa. Chiddu chi vi raccumannu assai assai Ŕ di japririvi cu tutti e di non scurdarivi di pristari ammenu 'na mani a ddi poviri divoti chi non l'hannu. A ddi paroli santi, tutti ddi fimmini, chi prima annaunu peti peti naschiannu comu ê cani, rinneru razia a la dia e si ritiraru, chini di zelu, intra a li sacri mura unni, a mani girannu, puru li dii di l'olimpu, quannu a unu a unu e quannu a troschi, amuri mi si rinfuzzaunu lu spiritu, annaunu a squagghiari i so' cannili.

Milli e milli ni passaru anni prima chi 'na strana fimminedda, valennusi di tutta la so' forza, dava 'na gran spaddata e sdirupava li templi. Ma ddi fimmini santi, fideli a la prumissa di renniri eterni onuri a la scialanti dia 'nchiudennu li jammi sulu in puntu 'i morti, non struggheru li voti, ma si jammaru di 'n'attereddu all'unu e, purtannusillu appressu, si lu vannu scummigghiannu ancora 'nta tutti 'i cantuneri. E, ogni notti, ognuna di ddi fimmineddi pii, giustu pý signaliari la so' cona a li straviati divoti, fa un bbamparizzu ranni ranni chi jetta lustru supr'ê so' carnuzzi santi. Pý chistu l'Italia, macari strudennu picca enirgia, Ŕ lu chi¨ 'illuminatu paisi 'i tuttu 'u munnu.

Libri in Lingua Siciliana

ALCATOO (mitologia greca)

Figlio di Pelope e di Ippodamia. Accusato di aver favorito l'assassinio del fratellastro Crisippo, fu indotto ad abbandonare la patria e a rifugiarsi a Megara, dove impalmò la figlia del re Megaro ed ereditò il regno. Una delle figlie di Alcàtoo fu Peribea, madre di Aiace Telamonio.

ALFEO (mitologia greca)

Fiume del Peloponneso (odierno Rufio); dopo aver attraversato l'Arcadia, la Messenia e l'Elide, s'incunea sotto terra e sfocia nello Ionio. Dallo scorrimento sotterraneo del fiume nacque la leggenda di Alfèo, figlio di Oceano, che amò follemente la ninfa Aretusa: per sfuggire alle sue brame, costei fuggì in Sicilia e a Ortigia, presso il porto di Siracusa, si mut˛ in fonte. Alfèo, per raggiungerla deviò il suo corso, s'immerse nel sottosuolo e, scorrendo sotto il mare, si mescolò alle acque della fonte, rimanendole cosý unito per sempre. (Cfr. Virgilio, Eneide, III; Ovidio, Metamorfosi, V.)

ANCHISE (mitologia greca)

Principe troiano, figlio di Capi e di una ninfa. Fu re di Dardania, sull'Ida, e parente di Priamo; fu padre di Enea che ebbe da Afrodite. Sarebbe stato punito da Zeus, che lo rese cieco, o secondo altri, zoppo, proprio perchÚ si vantava delle sue nozze con la dea. Dopo la guerra di Troia, Anchise fu portato via da Enea mentre la cittÓ era in fiamme e condotto in Sicilia, dove sarebbe morto a Drepanum (Trapani), e sepolto sul monte Erice. Enea lo ritrov˛, in seguito, nei Campi Elisi, dove Anchise gli predisse un futuro di gloria per lui e per la sua stirpe. (Cfr. Virgilio, Eneide, III, IV, V.)

ARETUSA (mitologia greca)

1. Ninfa virtuosa dell'Elide, che faceva parte del seguito di Artemide; figlia di NerŔo e di Doride. Per sfuggire alle brame del fiume AlfŔo, che la rincorreva sotto spoglie umane, viene trasformata in fonte da Artemide richiamata dalle grida d'aiuto e la sprofonda sottoterra e la fÓ riaffiorare nell'isola Ortigia (Siracusa). AlfŔo per nulla scoraggiato riassunse le forme acquatiche e potŔ cosý unirsi alla ninfa. Aretusa Ŕ rappresentata nelle monete siracusane ritenute fra le pi¨ belle al mondo, dalla sua testa circondata da guizzanti delfini (questo motivo appare anche nelle vecchie banconote da cinquecentolire). 2. Figlia di Atlante e di Esperide, personificatrice insieme alle sorelle Egle, Esperia o Esperetusa, delle nubi al tramonto.

BRONTE (mitologia greca)

Ciclope, figlio di Nettuno. Cittadina in provincia di Catania. La storia di questa cittadina affonda nella leggenda. Si dice che fu fondata da questo ciclope. In realtÓ, i ritrovamenti di alcune tombe fanno supporre che i primi abitanti della zona fossero dei Siculi. La cittÓ vide anche il passaggio dei Greci, Cartaginesi e Romani. Il passaggio arabo in Sicilia fu interrotto nel 1040 dalle truppe normanno-bizantine guidate dal condottiero Maniace. Quest'ultimo Ŕ ricordato in questa localitÓ grazie alla presenza del monastero di S. Maria di Maniace, costruito verso la fine del 1100.

CALLIOPE (mitologia greca)

Musa della Poesia epica e dell'Eloquenza. Amata da Eagro o da Apollo, gener˛ Orfeo e Imene (secondo un'altra versione, invece ebbe le famose Sirene. Veniva effigiata con una corona di alloro e con lo stilo in mano, nell'atto di scrivere su tavolette cerate.

Libri in Lingua Siciliana

CARIDDI (mitologia greca)

Figlia di Forco, o di Poseidone, e di Gea; fu mutata in mostro marino da Zeus perchŔ aveva rubato a Eracle i buoi di Gerione. Abitava in una rupe sul mare a poca distanza da Scilla, dove tre volte al giorno ingoiava e vomitava l'acqua del mare travolgendo le navi di passaggio. Fra Scilla e Cariddi fu costretto a passare Ulisse, perdendo in quella rischiosa impresa sei dei suoi compagni. Nella realtÓ Scilla e Cariddi sono due vortici dello stretto di Messina. (Confr. Omero, Odissea, XII,308-328; Virgilio, Eneide, III, 675-680).

Mitulugia Mmuffunijusa (Cariddi - Figghia di Gia e di Posiduni -)

Siccomu era chi¨ bedda d'Afruditi, Zeusu 'a jittau d'u celu facennula cÓdiri, sutt'ä forma 'i scogghiu, 'i ciancu a la Sicilia, a trenta canni d'ariba, propriu di facci a Scilla.
Mittennu 'i parti 'a ligenna, si p˛ diri cu cirtizza chi ddu scogghiu era vacanti d'intra comu a 'na buscica, e l'aria ci trasia intra passannu di tanti purtusedda. Succidia, allura, chi l'aria, 'na vota zzucata e l'autra ciusciata, a secunnu s'era jauta o bascia la maretta, priducia 'nu sonu tantu beddu chi rigghiamava a tutti li navigaturi, chi, vulennu sŔntiri ddu sono duci di vicinu, canciaunu 'a rutta e annaunu, quasi sempri, a mmestiri 'nte scogghi.
Ora, di ddu scogghiu, chi si nni calau ô funnu dumila anni arreti, pý cosianti di 'nu terrimotu, nesci d'u funnali sulu 'u chicchiriddu unni ci sunnu scavati tutti li purtusa.

Siccomu, finu a stu mumentu, sulu j˛, risicannu 'a vita, haju scinnut'ô funnu riniscennu a cuntari, a unu a unu, tutti li purtusa, ci rijalu centu miliuni a cu' mi sapi diri, giustu pý giustu, quantu buchitta sunnu.


CIANIPPO (mitologia greca)

Principe di Siracusa, ostile al culto di Dioniso; fu ucciso dalla propria figlia Ciane, che egli aveva violentato in preda al furore amoroso ispiratogli dal vendicativo Dioniso. Dopo l'orrendo sacrificio che offrý agli dŔi, Ciane si tolse la vita.

SICILIA...TERRA MITICA

CIBELE (mitologia greca)

Detta anche Rea Cibele, figlia di Urano e di Gea; sorella di Oceano, Iperione, Giapeto, Crono; moglie poi di quest'ultimo, dal quale ebbe numerosi figli, tra cui Zeus, che partorý sul monte Ida, nascondendolo al padre Crono perchŔ non lo divorasse, come aveva fatto con gli altri figli; gener˛ anche Poseidone, Ades e Demetra.

COCALO o KOKALOS (mitologia greca)

Re di Sicilia; accolse Dedalo fuggito da Minosse; quando Minosse si rec˛ in Sicilia per reclamare la restituzione del fuggiasco, fu ucciso da Cocalo per istigazione delle figlie.
La liggenna parra di 'n populu, 'i Sicani, cu lu s˘ re Cocalu (figghiu di lu ciclopi Briareu), chi lu storicu Timeo di Taurmina (IV-III seculu a.C.) dici di essiri di origini siciliana, mentri Tucitide e Diodoru Siculu dicunu chi li Sicani vinniru di la pinisula iberica, unni cĺŔ lu ciumi Sicanu. Tuttu chistu Ŕ storia e liggenna a lu stissu tempu, pirchý nun avemu documenti ca ponnu tistimuniari 'a viritÓ.

DAFNI (mitologia greca)

Pastore della Sicilia, figlio di Ermes e di una ninfa, nato in un bosco di alloro e allevato dalle Muse. Istruito nel suono della zampogna dal dio Pan, si guadagn˛ coi canti bucolici e con la sua bellezza il cuore delle ninfe e delle altre divinitÓ agresti; ma per non aver tenuto fede all'amore giurato alla ninfa Naide, fu accecato dagli dŔi. Non trovando pi¨ conforto nel suono e nella poesia, Dafni si uccise gettandosi da una rupe. Il padre Ermes lo accolse in cielo e da allora fu venerato come divinitÓ dei pastori.


DEMETRA (mitologia greca)

DivinitÓ della mitologia greca, la dea della terra coltivata, del grano, delle messi. Madre di Persefone, figlia di Crono e di Rea, dunque sorella di Zeus; il centro del suo culto fu Eleusi, dove in suo onore si tenevano due volte all'anno le feste eleusine. Gli attributi di Demetra (in comune con Persefone) sono la spiga di grano e i fiori del narciso e del papavero. I Romani la identificarono con Cerere.

DIOSCURI (mitologia greca)

Appellativo di Castore e Polluce (dal greco Di˛s K¨roi = figli di Zeus) considerati figli di Zeus e di Leda. Proteggevano i viaggiatori e presiedevano alla navigazione e all'ospitalitÓ. I Greci li onorarono nelle feste Dioscurie. Il loro culto dalla Grecia si diffuse in Sicilia e poi a Roma, dove vennero accolti col nome di Castores. I Romani attribuirono loro diverse vittorie e per questo nel 484 a.C. consacrarono ai Castores un tempio e celebrarono per essi riti processionali con cavalieri. Alcuni documenti dei secc. I e II d.C., pervenuti a noi dall'Egitto, testimoniano che il culto dei Dioscuri era molto diffuso nel Fayum, dove esisteva anche un oracolo.

EFESTO (mitologia greca)

Figlio di Zeus e di Era, dio del Fuoco. Abilissimo nella lavorazione dei metalli, fabbric˛ palazzi di bronzo per sÚ e per gli altri dei; forgi˛ una stupenda armatura per Achille e una per Diomede. Le sue officine erano situate nell'Etna, dove come aiutanti aveva i Ciclopi. Appena nato, brutto, zoppo e deforme, fu dalla madre precipitato in mare dall'Olimpo, ma Teti ed Eurinome, dee marine, lo raccolsero. Tornato sull'Olimpo, fu ricacciato sulla terra quando tent˛ di difendere sua madre Era contro Zeus. Accolto benevolmente dagli abitanti dell'isola di Lemno, continu˛ il suo lavoro con i Cabiri; fu a Rodi con i Telchini e i Dattili e con il nano Cedalio, da alcuni considerato il suo maestro. Spos˛ Aglaia, o secondo alcuni, Afrodite. (Vulcano tanto brutto da destare le risate degli dei quando compariva nelle loro adunanze e nei loro conviti, ebbe la triste idea disposare Venere, dea della bellezza. Non fu certo felice quell'unione fra un rozzo battitore di metalli e la bianca figlia della spuma la bianca figlia della spuma del mare ! La dea dei sorrisi e dei vezzi ingann˛ lo zoppo marito con Marte, dio della guerra: e quando, un giorno, Vulcano riuscý a imprigionarli insieme in una sottilissima rete e li fece vedere agli dei congregati, invocando vendetta, non ottenne che risate.) Vulcano viene rappresentato in figura d'un fabbro muscoloso e villoso, avvolto d'una leggiera tunica, e con in mano un martello e una tenaglia. Spesso gli si pone accanto un leone, belva il cui ruggito evoca i sordi rombi dei vulcani. Anche a Lemno in suo onore si celebravano le Efestie, le Apaturia e le Calceia.

ENCELADO (mitologia greca)

Terribile Gigante, figlio di Urano e di Gea; prese parte con i suoi fratelli alla lotta contro Zeus e gli dŔi dell'Olimpo. Zeus stermin˛ i Giganti e Athena cacci˛ Encelado in Sicilia, dove lo lasci˛ seppellire da Zeus sotto l'Etna. La leggenda narra che la lava del vulcano viene emessa dall'alito infuocato di Encelado e che i sussulti della terra durante i terremoti vengono provocati dai suoi movimenti. (Cfr. Virgilio, Eneide, III; Stazio, Tebaide, III.)

Libri in Lingua Siciliana

EOLO (mitologia greca)

1. Figlio di Ippote (o Poseidone) e di Arnea. Spos˛ Enarete e ne ebbe sei figli, tra cui, secondo alcuni, Canace e Macareo. Dimorava nelle isole vulcaniche presso la Sicilia che da lui presero il nome di Eolie. Accolse benevolmente Ulisse, a cui diede chiusi, in otri, i venti contrari alla sua navigazione. Quando i compagni di Ulisse, per curiositÓ, aprirono gli otri, si scaravent˛ una furiosa tempesta e i venti respinsero la nave di Ulisse verso le isole Eolie. Eolo, credendo il suo ospite perseguitato dagli dŔi, si rifiut˛ di aiutarlo e lo cacci˛. 2. Figlio di Elleno e della ninfa Orseide, fratello di Doro e di Xuto, considerato il capostipite degli Eoli.

Gammazita  Uzeta  NO A TUTTE LE MAFIE  Colapesce  Fratelli Pii

ETNA (mitologia greca)

1. Vulcano della Sicilia dove gli antichi credevano vi fosse la fucina del dio EFESTO. Zeus avrebbe gettato il monte Etna addosso al gigante Encelado, il quale, sbuffando e rivoltandosi sotto l'enorme peso, provocherebbe gli scossoni del vulcano in eruzione. 2. Ninfa figlia di Urano e di Gea; avrebbe dato il nome al monte della Sicilia.

FAUNO (mitologia greca)

Antichissimo dio italico, protettore dei boschi, della campagna e degli armenti, figlio di Pico Marzio e nipote di Saturno; come il padre ebbe il dono della profezia e come profeta era chiamato Fatuelus; sposò la ninfa Marica e con lei generò Latino. Fauno ebbe l'epiteto di Luperco perchè aveva il potere di allontanare i lupi dal gregge; in suo onore si celebravano le feste Faunalia o le Lupercalia. Più tardi Fauno fu confuso col dio greco Pan.

MEGARA (mitologia greca)

Figlia di Creonte, re di Tebe; prima moglie di Eracle, al quale fu concessa dal padre come compenso per l'aiuto ricevuto nella lotta contro Ergino, re dei Mini in Orcomeno. Durante l'assenza di Eracle per la cattura di Cerbero nell'Ade, Lico, istigato da Euristeo, tent˛ di violentargli MegÓra; ma Eracle , ritornato per tempo, uccise Lico e, in preda al furore ispiratogli da Era per vendicare Lico, uccise anche MegÓra e i figli avuti da lei. (Cfr. Igino, Favole, XXXII.)

P└LICI (mitologia greca)

DivinitÓ ctoniche, protettrici della zona vulcanica della piana di Catania furono ritenuti due figli gemelli di Zeus o del dio locale Adrano e della ninfa Talýa. Per sottrarsi alla persecuzione della gelosissima Era, Talýa si era fatta nascondere da Zeus sotto terra; ed, un giorno, poco lontano dal fiume SimmŔte (che scorreva in Sicilia) si videro uscire dalla terra i due bambini che la ninfa aveva partoriti e che furono chiamati PÓlici dalle parole greche: pÓlin ikŔsthai, che vogliono dire nati due volte: cioŔ da Talýa e dalla terra. Essi professavano l'arte degli indovini; e, nei pressi del tempio dove rendevano i loro oracoli, sgorgava una sorgente di acqua bollente e sulfurea, che la superstizione credeva fosse stata culla dei due gemelli, subito assunti nel novero degli dei. Sulla sponda del laghetto, si usava, quando sorgeva qualche lite fra gli abitanti del luogo, di asseverare con giuramento i termini della controversia; e lo spergiuro era perseguitato dal castigo degli dei. Nel tempio dei PÓlici si rifugiavano pure gli schiavi maltrattati dai padroni; e a questi era proibito di andarli a riprendere, se non dopo aver prestato giuramento, in nome dei fratelli PÓlici, di trattare con umanitÓ e dolcezza i propri dipendenti. Per questo motivo il tempio dei fratelli PÓlici divenne centro di ribellioni di schiavi.

SCILLA (mitologia greca)

1. Figlia di Niso, re di MegÓra. Innamoratasi del nemico Minosse, che assediava la cittÓ di MegÓra, lo aiut˛ nell'impresa; per fare ci˛, recise al padre il fatale capello d'oro che aveva in testa e dal quale dipendevano la sua vita e il destino della Patria. Niso infatti morý; Minosse conquist˛ la cittÓ, ma fece lapidare l'innamorata parricida che gli dŔi mutarono poi in allodola. (Cfr. Virgilio, Georgiche, I.)
2. Figlia di Tifone e di Echidna; in origine Ninfa bellissima, di cui s'invaghý il dio marino Glauco, il quale, non riamato, per vendetta, dalla maga Circe fece mutare la bella Ninfa in un orribile mostro latrante con sei teste e le bocche dotate ciascuna di una triplice fila di denti. Per l'orrore che ebbe di se stessa, Scilla si precipit˛ in mare e si nascose in uno scoglio di fronte all'antro dove dimorava l'altro mostro marino Cariddi. Da quel sito Scilla sporgeva le sue teste per spaventare i naviganti o per rapirli quando le si avvicinavano. Secondo un'altra versione, Scilla subý quella trasformazione per opera di Anfitrite, gelosa della Ninfa perchŔ amata da Poseidone. Nella realtÓ Scilla e Cariddi sono due scogli tra Reggio Calabria e lo Stretto di Messina. (Cfr. Virgilio, Eneide, I, VII; Ovidio, Metamorfosi, XIII, XIV; Igino, Favole, CXCIX.)

VULCANO (mitologia romana)

Antica divinitÓ italica, personificazione del Fuoco, preposta all'industria dei metalli. Vulcano fu anteriore a Giove, di cui in origine aveva anche gli attributi; per questo fu venerato anche come dio dei Fulmini e della Guerra. Per compensarlo della sua bruttezza di fabbro adusto e zoppo, gli dŔi gli diedero come sposa Stata Mater, che secondo alcuni mitologi, era la Terra Maia. Si narra che fosse cosý spiacevole di aspetto quando nacque, che sua madre prese ad odiarlo e finý col precipitarlo gi¨ dall'Olimpo. Il povero reietto cadde per un giorno intero, e, quando si ferm˛, si trov˛ tutto azzoppato, sull'isola di Lemno che fremeva di fuochi nascosti. LÓ impiant˛ la sua fucina in un cratere e vi lavor˛ alacremente per nove anni, a battere e plasmare il ferro , il bronzo e i metalli preziosi. Nelle viscere fumose dell'Etna, aveva un'altra fucina ove, coadiuvato dai Ciclopi, giganti con un occhio solo nel mezzo della fronte, batteva sull'incudine i fulmini degli dei. I boati dell'Etna, le sue pioggie di sassi e di lapilli, le lente colate della lava erano per gli antichi l'indizio dell'attivitÓ sotterranea di Vulcano e dei suoi ispidi e fuligginosi inservienti. A Roma fu venerato come dio del Focolare e protettore dagli incendi; presiedeva al suo culto il Flamen Vulcanalis. In Epoca posteriore la figura di Vulcano si fuse con quella del greco Efesto. Come fabbro fonditore di metalli, i Romani chiamarono Vulcano Mulciber e gli dedicarono un tempio presso il Circo Flaminio. Fu oggetto di culto in Etruria e anche ad Ostia, dove fu onorato come massima divinitÓ.

Libri in Lingua Siciliana

Rosa Balistreri...CD    Torna alla Homepage

Scrivici !

Altre informazioni le trovate su "JU, SICILIA periodico del CSSSS
Miti e Leggende di Sicilia di Giuseppe Scarcella
Il libro di Catania - La Storia, i miti, le genti... di Angelo Boemi

Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana   Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana Lavora con noi. Prodotti di primissima qualitÓ certificata. Alta Gastronomia; Finissima Pasticceria; Gustose Granite; Primi e Secondi Piatti Pronti. Prodotti Surgelati e freschi da banco.


CSSSS......se si parla di Sicilia.

Tutti i diritti sono riservati - Copyright 1996-2020
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania
Realizzazione C.E.M. 14/05/1997