Colapesce

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
Storia, Folklore, Arte, Mitologia
In tutto il mondo con i SICILIANI

ColaPesce S.Teresa

ColaPesce S.Teresa
COLAPESCE
Centro Studi Storico-Sociali Siciliani

LA LEGGENDA DI COLAPESCE

Poche leggende possono vantare una vita così lunga come quella che si riferisce al famoso nuotatore catanese, Cola Pesce. La più antica versione che si conosca di essa, intitolata "De Nicolao Pipe homine aequoreo", risale al secolo XII-XIII, così come scrive il Pitrè in Studi di leggende popolari in Sicilia. La maggior parte delle versioni che si conoscono della leggenda a partire del XVI secolo in poi, concordano sulla fine del personaggio, Cola, avvenuta nello stretto di Messina. Quella più quotata fa riferimento alla prova a cui volle sottoporlo il "re di quei tempi"; il Fazello ed altri scrittori di epoche successive lo identificano sempre nella persona di Federico II di Svevia. Nessuna traccia, però, di testi raccolti a Catania, presunta città natale del nuotatore. Eppure, il ricordo di Colapesce è più che mai vivo nei pescatori e marinai del glfo di Catania.
La leggenda narra che un certo Nicola, (Cola), figlio di un pescatore, era stato soprannominato Colapesce per la sua abilità nel muoversi in acqua; di ritorno dalle sue numerose immersioni in mare si soffermava a raccontare le meraviglie viste e, talvolta, a riportare tesori.
La sua fama arrivò al re di Sicilia ed imperatore Federico II di Svevia che decise di metterlo alla prova: il re e la sua corte si recarono pertanto al largo a bordo di un’imbarcazione e buttarono in acqua una coppa che venne subito recuperata da Colapesce. Il re gettò allora la sua corona in un luogo più profondo e Colapesce riuscì nuovamente nell’impresa. La terza volta il re mise alla prova Cola gettando un anello in un posto ancora più profondo ed in quell’occasione Colaspesce non riemerse più.
Si scoprì poi perché Colapesce non era più riemerso; aveva scoperto che l’isola era sorretta da tre immense colonne, una delle quali era spezzata. Con spirito di sacrificio rinunciò ad emergere per salvare l'Isola e i suoi abitanti. Da allora, Colapesce sostiene la parte della Sicilia che aveva la colonna consumata e rotta. Cola visse davvero come un pesce, capace di restare talmente a lungo sott’acqua da alimentare la leggenda che fosse divenuto una creatura marina.

LE VARIANTI DELLA LEGGENDA

Versioni successive arricchiscono il racconto...PAGINA IN COSTRUZIONE

Il comune di Catania ricorda le gesta di Colapesce con uno dei 4 candelabri o lampioni in bronzo realizzati dagli scultori catanesi, Domenico (detto Mimì) Maria Lazzaro e Domenico (detto Mimmo) Tudisco, sistemati ai quattro lati in piazza dell’Università e dedicati appunto al nostro personaggio, ai fratelli Pii, a Gammazita e Uzeta, principali personaggi delle leggende di Catania.
Christian E. Maccarone

Compra Sicilia

Pagina della Poesia    Torna alla Homepage

Scriveteci !


CSSSS

Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana   Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana Lavora con noi. Prodotti di primissima qualità certificata. Alta Gastronomia; Finissima Pasticceria; Gustose Granite; Primi e Secondi Piatti Pronti. Prodotti Surgelati e freschi da banco.
Tutti i diritti sono riservati- Copyright 1996-2020
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania