Rosa Balistreri

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
Il CSSSS opera per la Sicilia e i Siciliani

"Storia, Folklore, Arte, Mitologia"
"In tutto il mondo con i SICILIANI"

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani

Cantante Folk Siciliana
Nata a Licata il 21/03/1927 - Morta a Palermo il 20/09/1990
Campagna contro la pedofilia

"Malidittu ddu mumentu ca grapivu l'occhi nterra nta stu nfernu"

Libri in Lingua Siciliana

 Ascolta la voce di Rosa Balistreri in MP3

"Nessun'altra voce come quella di Rosa Balistreri, riusciva ad esprimere in senso più compiuto i toni drammatici di una Sicilia che sembra uscire gonfia di dolore e di speranze dalle modulazioni di un sentimento antico."

Povera e orgogliosa, varcò anche lei i confini in cerca di fortuna. Non scelse una città industriale dove il prezzo più costante che si paga al pane è l'atrofia del cuore. Da Licata sbarcò a Firenze, dove la sua esperienza di emigrante si sarebbe maturata nel tirocinio di nuovi sacrifici, costantemente rivolta a indovinare lo scopo preciso della sua esistenza.

Ha iniziato la sua attività nell’ambito del Nuovo canzoniere italiano, prendendo parte nel 1966 allo spettacolo «Ci ragiono e canto» e da allora ha svolto un’intensa attività concertistica sia in circuiti tradizionali teatrali (Manzoni a Milano, Carignano a Torino, Metastasio a Prato) sia nei festival dell’Unità e simili. Da ricordare anche la sua partecipazione alla contestata edizione di «Canzonissima» 1974 nonché a «Ci ragiono e canto n. 2».

Il tesoro di Rosa non era tanto la voce,originalissima dal timbro forte e penetrante, quanto la proiezione nella sua memoria di tutte le canzoni che aveva ascoltato in Sicilia, in assolate campagne o in riva al mare d'Africa che corrode col vento e la salsedine la costa di Agrigento. L' Isola cantava in Lei. Una voce affondata in radici di un canto senza tempo, vivo di immagini e di commozioni nella persistente attualità dei pochi temi che hanno sempre alimentato il dolore e l'amore della Sicilia. E qui maturarono sicuramente i temi e le scelte che hanno fatto grande il suo repertorio tramutando la vicenda d'arte in lezioni di civiltà e di vita che portò su quasi tutte le piazze d'Italia fino all'estremo della sua esistenza.

La sua matrice è quella dell'impegno sociale (aveva una carica umana non comune), dell'amore che consuma, del dolore. Alle spalle della Balistreri c'era la migliore tradizione della canzone popolare siciliana, che non è certamente quella altrove impiegata per i più facili consumi di un malinteso senso del folklore.

I testi da Lei interpretati con intensa drammaticità e passione, provengono in parte dalle raccolte di Alberto Favara e in parte ripescati nell'entroterra siciliano dove le vecchie "canzuni" riescono ancora a ravvivare la fantasia di un popolo che vive attanagliato nelle antiche paure e sollecitato dall'antica rabbia. Sono canzoni che parlano di desideri mai avverati, pertanto hanno spesso il carattere dell'invocazione e della preghiera perché la "grazia dell'affrancazione delle tirannie si avveri". Da ciò deriva il carattere religioso di molte canzoni, una religiosità schietta e non ossessiva.

Rosa e la sua immancabile chitarraDi Rosa Balistreri è stato detto che può essere considerata l' Amalia Rodriguez della Sicilia: un paragone che esalta, nella misura in cui riesce a partecipare nel difficile contesto di tutta la musica popolare, il cuore di un'isola che non ha mai finito di soffrire e di amare. Lei rappresentava la Sicilia, la musica folk siciliana, nenie, cantilene, filastrocche, tutti i canti popolari della sua Licata venivano proiettati in tutta Italia e presumibilmente in tutto il mondo.

A questa donna, immagine simbolica del folk siciliano amica di artisti ed intellettuali quali Renato Guttuso, Leonardo Sciascia, Ignazio Buttitta che a lei aveva dedicato alcune tra le liriche più belle, il Comune di Licata ha intitolato una strada, una manifestazione che ogni anno, a settembre, (per la precisione è morta il 20 settembre 1990 a Palermo) si tiene puntualmente, ed un Centro Culturale, che permetteranno di ricordarla ai più giovani che non hanno avuto modo di conoscerla e di ascoltare i suoi canti.
Dal matrimonio con Gioacchino Torregrossa, Rosa Balistreri ebbe una figlia, la sua unica figlia. Dopo la separazione dal marito, la figlia le fu affidata dal Tribunale. Impegnata com'era, Rosa iniziò a fare concerti e serate, e pertanto non potè seguire da vicino la figlia Angela, la mise in collegio. I rapporti fra madre e figlia non furono fra i più idilliaci per problemi di incompatibilità caratteriali. La figlia lascia il collegio perché incinta e chiede ospitalità alla madre. Nacque così, nel 1967, il nipote Luca, che porta il suo stesso cognome. Luca Torregrossa fu perciò nipote di Rosa Balistreri, ma da sempre egli si è professato 'figlio' di Rosa, adducendo a giustificazione le circostanze che il Tribunale di Firenze lo affidò a Rosa sin da quando era in fasce, che egli visse sempre con lei e che lui la chiamava madre.

Fonte del materiale: Archivio del CSSSS

L'incontro con Rosa Balistreri ricordato da Ignazio Buttitta
(20 ottobre 1984)

Io ho incontrato Rosa Balistreri a Firenze, circa 22 anni fa, in casa di un pittore mio amico. Quella sera Rosa cantò il lamento della morte di Turiddu Carnivali che è un mio poemetto. Io quella sera non la dimenticherò mai. La voce di Rosa, il suo canto strozzato, drammatico, angosciato, pareva che venissero dalla terra arsa della Sicilia. Ho avuto l'impressione di averla conosciuta sempre, di averla vista nascere e sentita per tutta la vita: bambina, scalza, povera, donna, madre, perché Rosa Balistreri è un personaggio favoloso, direi un dramma, un romanzo, un film senza volto.
Rosa Balistreri è un personaggio che cammina sopra un filo che ha un cuore per tutti, che ama tutti; un cuore giovane per la Sicilia di Vittorini e di Quasimodo, un cuore giovane per la Sicilia di Guttuso e di Leonardo Sciascia.

"Omaggio a Rosa Balistreri"

Col contributo del Comune di San Giovanni La Punta (Ct), nel 2007 il CSSSS organizza e presenta nell'anfiteatro dello stesso Comune etneo, lo spettacolo "Omaggio a Rosa Balistreri" per ricordare questa grande artista. Numerosi sono stati gli ospiti in rappresentanza della musica e della Cultura siciliana. Per l’occasione è stato realizzato un CD con alcune sue canzoni di successo. Nel CD "Omaggio a Rosa Balistreri" trova spazio un contributo musicale di Francesco Ferro. Le canzoni scelte dal cantautore catanese, sono le elaborazioni musicali di alcune poesie selezionate dal libro "Sicilianitudine" del poeta e scrittore ennese Fernando Luigi Fazzi. Il presidente del Centro Studi Storico-Sociali Siciliani, Christian E. Maccarone ha voluto ricordare la cantante licatese con la poesia "'Na lacrima" del poeta Alissandru Caldiero.

La copertina

Tutte le canzoni di Rosa costituiscono nel loro insieme un patrimonio artistico e culturale inestimabile la cui diffusione, soprattutto per le nuove generazioni e proprio in questo periodo, riteniamo risulti di fondamentale importanza.

Discografia (LP): Amore tu lo sai la vita è amara, Terra che non senti, Noi siamo all'inferno carcerati, Vinni a cantari all'ariu scuvertu, tutti pubblicati negli anni '70.

I capolavori di Rosa Balistreri in CD

AMORE, TU LO SAI, LA VITA È AMARA (1972) CD
Mi votu e mi rivotu / Ch'è autu lu suli / Mirrina / Maria di Gesù / Ntra viddi e vaddi / Lu verbu / A curuna / Signuruzzu, chiuviti chiuviti / A tirannia / Lu libru di li nfami / Nta la Vicaria / Lu focu di la paglia

TERRA CHE NON SENTI (1973)
A virrinedda / Lu muccaturi / L'anatra / Canto di caccia / Levatillu stu cappeddu / Proverbi siciliani / Vènneri santu / Canto di pesca / O Patri Manueli / Ti nni vai / E la pampina di l'aliva / Terra ca nun senti

NOI SIAMO NELL'INFERNO CARCERATI (1974) CD
Judici ca la liggi studiati / Buttana di to mà / Morsi cu morsi / La me liti / Nfamità / Cuteddu ntussicatu / Amici, amici, quarari! quarari! / Chista è la vuci mia / Càrzari ca si fattu cruci cruci / Matri ch'aviti figli / Càrzari Vicarìa / Lassarimi accussì / M'arrusicu li gradi / Sugnu comu un cunigliu / Amici amici chi n Palermu jti / Testa di mortu

VINNI A CANTARI ALL'ARIU SCUVERTU (1978) CD
Vinni a cantari all'ariu scuvertu / L'amuri ca v'haju / O cori di stu cori / Cu ti lu dissi / Vurria fari un palazzu / Lu rispettu / E lu suli ntinni ntinni / Storia di Lorenzo Panepinto / Stanotti nzonnu / Nivuru carinusu / Nina nanna di la guerra / La Sicilia havi un patruni

GLI ANNI DEL FOLK STUDIO (1974) CD
Rosa Rosa / U pumu / Amuri senza amuri / Lu muttu anticu / Un mortu ca chiangi /Non criditi amuri / Ciuriddi di chianu / Quattru tarì / A riti / Cristu sinnannau

RARI E INEDITI (1997) CD
Acidduzzu (di me cummari) / Levatillu stu cappeddu / Me muggheri unn'avi pila (pi lavari) / A pinnula / U cunigghiu / Na varchuzza bànneri bànneri / Spartenza amara / Liggenna du friscalettu / La barunissa di Carini / Mafia e parrini / Rosa canta e cunta / Mi votu e mi rivotu / Vitti na crozza / Quannu moru

LA VOCE DELLA SICILIA (1969)(1996) CD
I pirati a Palermo / Quantu basilicò / La siminzina / Olì olì olà / Caltanissetta fa quattru quarteri / Guarda chi vita fa lu zappaturi / Morsi cu morsi / Lu venniri matinu / Mamma vi l'aiu persu lu rispettu / Matri chi aviti li figghi a la badia / Cummari Nina cummari Vicenza / La notti di Natali / Ddu' palummi / S.Antuninu calati calati

UN MATRIMONIO INFELICE CD
Un matrimonio infelice (Prima e seconda parte)

OMAGGIO A ROSA BALISTRERI (2007)
Acidduzzu di me cummari / Cu ti lu dissi / E la vita addiventa amuri (cantata da Francesco Ferro) / E lu suli ntinni ntinni / La Barunissa di Carini / Levatillu stu cappeddu / Li me patruna (cantata da Francesco Ferro) / U cunigghiu / Mi votu e mi rivotu (cantata da Francesco Ferro) / Non vogghiu dinara (cantata da Francesco Ferro) / Na Lacrima (Poesia recitata da Christian E. Maccarone / Quannu moru

GIUSEPPE CANTAVENERE
ROSA BALISTRERI: Una grande cantante folk racconta la sua vita.
Prefazione di Paolo Emilio Carapezza.
(Libro corredato dall'audiocassetta Rosa Balistreri: La voce della Sicilia).
Rosa Balistreri, vibrante interprete dell' anima popolare siciliana, racconta la sua storia tragica e appassionata, segnata dalla miseria e dalla brutalità, ma riscattata dal canto e da una vitalità inesauribile.

POTETE FARE UNA DONAZIONE PER SOSTENERE UN PROGETTO DEL CSSSS

Donate

Poeti e Poesie    Torna alla Homepage

Scrivici !

CSSSS... LE RADICI DELLA TUA TERRA: "SICILIA" - ASSOCIATI -

Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana   Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana Diventa imprenditore di te stesso, apri un Franchising! Prodotti di primissima qualità certificata. Alta Gastronomia; Finissima Pasticceria; Gustose Granite; Primi e Secondi Piatti Pronti. Prodotti Surgelati e freschi da banco.

Tutti i diritti sono riservati-Copyright 1996-2020
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania
Realizzazione CEM 21/02/1996

Tutto il materiale presente in questa pagina è riservato. L'uso, l'utilizzo e il transfert sono soggetti ad autorizzazione.