VITALIANO BRANCATI

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
"Storia, Folklore, Arte, Mitologia"
"In tutto il mondo con i SICILIANI"

Vitaliano Brancati
Nato a Pachino (SR), il 24/07/1907 - Morto a Torino il 25/09/1954
Scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e saggista
Campagna del CSSSS contro la pedofilia

"Il gallismo consiste principalmente nel dare a intendere di essere in possesso di una straordinaria forza virile"

Vitaliano Brancati

   Vitaliano Brancati è stato scrittore, saggista, drammaturgo, sceneggiatore tra i più importanti del Novecento italiano, di cui divenne personaggio chiave. Insieme a Ercole Patti forma la diade denominata “i maestri dell’eros”. Fu mentore di Leonardo Sciascia e Gesualdo Bufalino. Nato a Pachino, in provincia di Siracusa, il 24 luglio 1907 da Rosario, avvocato con interessi letterari, e da Antonietta Ciàvola. Anche il nonno era stato autore di novelle e di poesie. Compì gli studi inferiori a Modica dove visse dal 1910 al 1919 e quelli superiori a Catania dove si trasferì con la famiglia nel 1920. Vitaliano aveva appena tredici anni quando arrivò nel capoluogo etneo, che diventerà il luogo della sua formazione e assumerà un ruolo chiave nella sua opera. Il periodo catanese è fondamentale, tanto che Brancati è da molti considerato come lo scrittore catanese per eccellenza, per aver ritratto magistralmente le caratteristiche di questo particolare “tipo” umano. Nella città etnea frequentò la facoltà di Lettere presso la locale università, laureandosi nel 1929 con una tesi su Federico De Roberto; successivamente insegnò per diversi anni a Caltanissetta nell'Istituto Magistrale, frequentato in quegli anni da Leonardo Sciascia che però non fu suo alunno. Pubblica opere (il poema drammatico “Fedor”, 1928; l’atto unico “Everest”, 1931; il dramma patriottico “Piave”, 1932) di irrilevante valore artistico e manifesti intenti di propaganda nazionalfascista. La sua formazione giovanile viene segnata da un'ideologia irrazionalista che entra in crisi quando dalla Sicilia si trasferisce a Roma dove ha modo di frequentare intellettuali crociani e democratici che gli aprono un orizzonte culturale europeo.

Il Bell'Antonio, romanzo A Roma, oltre a insegnare, inizia l'attività di giornalista, dapprima per il quotidiano Il Tevere e, in seguito, dal 1933 in poi, per il settimanale letterario Quadrivio. Grazie pure ai contatti con Moravia ed Alvaro - si allontana dalle posizioni politiche favorevoli al regime, al punto da ripudiare i suoi lavori precedenti. Il nuovo corso artistico si apre con “Gli anni perduti” (1938), intriso di umori gogoliani e cechoviani: ma è con “Don Giovanni in Sicilia” (1941), che egli s’impone all’attenzione della critica e del pubblico. Attorno alla figura del quarantenne Giovanni Percolla, il Brancati traccia un quadro pungente e serrato del “Gallismo”, (termine coniato da Brancati  per indicare satiricamente la vanità erotica degli uomini in genere e dei siciliani in particolare, quel loro sentirsi, e vantarsi di essere «bravi nelle faccende d’amore»), in una  città della Sicilia: e per il tramite dell’inconcludenza smargiassa, delle immaginarie avventure erotiche dei suoi giovani abitanti, egli allude maliziosamente alle smanie di grandezza imperiale, al velleitarismo d’un paese perduto nelle adunate oceaniche. Nel 1946 si sposa con l'attrice Anna Proclemer, e scrive per lei il testo teatrale La governante e dalla quale si separa poco prima della sua morte, nel 1954. Dal matrimonio nasce una figlia, Antonia, il 6 maggio 1947. Nel 1949 scrive “Il Bell’Antonio”, descrizione amara e risentita del provincialismo fascista: la grottesca impotenza che affligge il protagonista diviene metafora di come, per l’autore, l’erotismo  dei siciliani “consista nel pensare e sognare la donna con tale assiduità e intensità, e talmente assottigliandone e sofisticandone il desiderio, da non reggere poi alla presenza di lei, dall’esserne umiliati e come devastati” (Sciascia). È ancora un’ossessione sessuale al centro dell’incompiuto ed ambizioso ultimo suo romanzo rimasto incompiuto, “Paolo il caldo” (1954); tra i racconti, spicca lo straordinario “Il vecchio con gli stivali” (1944), acre satira del fascismo e dell’antifascismo ufficiale, trasposta in celluloide da Luigi Zampa in “Anni difficili” (1947). L’ipocrita divieto di rappresentazione che colpisce il migliore  dei suoi lavori teatrali, “La governante” (1952), incentrato su un caso di non accettata omosessualità femminile, ispira all’autore il pamphlet “Ritorno alla censura” (1952), ove egli rivendica la libertà d’espressione dell’artista. Della sua attività di sceneggiatore cinematografico, meritano menzione almeno “La bella addormentata” (1943) di Luigi Chiarini, “Silenzio, si gira!” (1944) di Carlo Campogalliani, il già citato “Anni difficili” cui fa seguito - sempre per la regia di Zampa - “Anni facili” (1953), “L’uomo la bestia e la virtù” (1954) di Steno.

Compra Sicilia

Donate

Pagina della Poesia    Torna alla Homepage

Scriveteci !


Sostenete un progetto del CSSSS
Tutti i diritti sono riservati- Copyright 1996-2020
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania