Giuseppe Pecora

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
"Storia, Folklore, Arte, Mitologia"
"In tutto il mondo con i SICILIANI"

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani

TRINACRIA POETICA
POETI SICILIANI
ALLA RIBALTA
GIUSEPPE PECORA

"Habent sua fata libelli"
Terenziano Mauro

Rondinella in Paradiso

Il poeta Giuseppe Pecora, autore del libretto "Rondinella in Paradiso" dal quale tratta la poesia "A Maria", proviene dal mondo della scuola. Egli infatti stato, per quasi un quarantennio, prima docente e poi preside nelle scuole medie superiori. Provvisto di laurea tecnica ma appassionato studioso di classici greci e latini, stato un verseggiatore fedelmente legato alle regole della metrica e ai modelli lirici dei pi grandi poeti italiani. Attento e partecipe ai problemi educativi, ha composto, nell'arco di un trentennio, poesie ambientate nella scuola. Le sue strofe, inoltre, sono permeate di fresco amore per la famiglia, di solida coscienza morale, di simpatia umana verso il mondo degli umili, e di empatia verso coloro che soffrono. Nella sua produzione poetica trovano pure spazio alcune meditazioni di carattere religioso dirette a far conoscere il vero scopo della vita, e a dirigere e aiutare l'uomo in modo da conseguire il proprio fine personale, che il possesso di Dio.
Il prof. Giuseppe Pecora deceduto anni orsono e la moglie ci ha lasciati nel 2019.

A Maria

O diletta e dolce sposa,
ti rivedo con la mente
elegante e sorridente,
bella e fresca come rosa.

    Mi sovvengo lentamente
    dei begli occhi e di quel viso;
    e la luce di un sorriso
    ora brilla nella mente.

Sorridevi facilmente,
suscitando dentro il cuore
dolci palpiti d'amore
non di rado, certamente.

    Io ricordo con diletto;
    la dolcezza di quel viso
    lo splendore del sorriso;
    la gran fiamma di quel petto.

E ripenso con dolore
alla vita di studente:
triste e amara; solamente
consolata dall'amore.

    Or che sono vecchierello,
    mi rimane nella mente
    e mi culla dolcemente,
    quell'amore grande e bello;

che molceva l'amarezza
che provavo, giovinetto,
senza madre, senz'affetto
n sorriso n carezza.

    E conservo dentro il cuore
    un tesoro: quei tre figli
    - belli e puri come gigli -
    che mi desti per amore!

Poesia scritta per la sua cara e fedele moglie Maria

Questo spazio riservato ai Soci del Centro Studi Storico-Sociali Siciliani


Donate

Pagina della Poesia    Torna alla Homepage

Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana   Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana Lavora con noi. Prodotti di primissima qualit certificata. Alta Gastronomia; Finissima Pasticceria; Gustose Granite; Primi e Secondi Piatti Pronti. Prodotti Surgelati e freschi da banco.

Tutti i diritti sono riservati-Copyright 1996/2021
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania
Realizzazione CEM 21/02/1996

Tutto il materiale presente in questa pagina riservato. L'uso, l'utilizzo e il transfert sono soggetti ad autorizzazione.