Carlo Trovato
TRINACRIA POETICA
POETI SICILIANI
ALLA RIBALTA

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani
"Banca dati di Letteratura e Poesia"
"Storia, Folklore, Arte, Mitologia"
"In tutto il mondo con i SICILIANI"

Centro Studi Storico-Sociali Siciliani

Carlo Trovato
CARLO TROVATO

"Mi cala di traversu stu muzzicuni di vita masticatu senza fami..."

Compagnia Teatrale Attori 2000

Cazzicaledda

Carlo Trovato, catanese, appartiene alla nuova generazione dei poeti siciliani, estremamente esigua. La crescente erosione del dialetto ha portato ad uno sfoltimento dei poeti, rimasti perlopi¨ legati ad una poesia stanca. Carlo Trovato, quando inizia a scrivere incontra il poeta Enzo D'Agata che lo guiderÓ con molta attenzione e con stima. Le prime poesie che scrive risentono dell'influenza del D'Agata. Subito dopo si impone mostrando una forte personalitÓ che lo colloca in piena autonomia e indipendenza nel quadro della poesia dialettale siciliana del nostro tempo. Col maestro Enzo D'Agata pubblica un carteggio di 10 poesie con una breve presentazione, in una edizione di sole 500 copie, esemplari numerati. Naturalmente, il carteggio contiene anche 10 poesie di Enzo D'Agata.
Nella sua poesia, generalmente intrisa di un pessimismo immanente, Ŕ presente il rifiuto non reversibile di una realtÓ idealizzata mediante sofisticazioni letterarie o ambigua nelle eventuali proposizioni concettuali. Il suo stile poetico disadorno e incisivo Ŕ a volte scattante, nel senso che sono evitate, quanto pi¨ possibile, le pause lunghe che inevitabilmente appannerebbero la tersa vitalitÓ delle immagini. Nell'identificazione, e conseguente descrizione analitica dell'oggetto, Carlo scava fino in fondo, risultando anche minuzioso, ma non prolisso, in quanto i particolari c˛lti attraverso un'attenta osservazione sono da considerare quali elementi essenziali e unificanti privi di svolazzi calligrafici o di perifrasi di gusto retorico. In parecchie poesie il poeta Ŕ chiaramente autobiografico. Pubblica il suo primo libro nel marzo del 1986, dal titolo "Cazzicaledda". In questo primo lavoro, notiamo, in certi momenti di particolari stati d'animo, quando riaffiorano immagini che sembravano dimenticate. Rievoca episodi dell'infanzia che descrive minuziosamente mentre nella descrizione di certi particolari realistici appare pi¨ fedele alla sua naturale maniera di esprimersi. Nei nostri archivi abbiamo un altro volume dell'autore, sempre di poesie in dialetto, dal titolo "La RÓdica Di Lu Tempu" che ci inoltra in un passato non solo di cultura e tradizioni ma anche di linguaggio. C'Ŕ da dire che non solo Carlo Trovato ama scrivere in vernacolo pur non trascurando le innovazioni e l'evoluzione stessa del dialetto siciliano. Il linguaggio popolare emerge nelle sue poesie che si leggono con piacere.
Fonti: Christian E. Maccarone e archivio del CSSSS

La RÓdica Di Lu Tempu


DDA LACRIMA
Ammucciavi na lacrima
l'ultima vota
ca ti vinni a truvari.
Pi n'attimu, Ma',
ti Óppi picciridda
stritta a lu me pettu.
Pi n'attimu
dda lacrima ca non vitti,
mi guid˛ cu la manu
n-menzu a centu vuci antichi.
Chi tinnirizza ca mi fici
la to gioia cuntignusa
di vidýrimi...
Mi pÓrsi c'abbrazzavi
lu figghiu appr˛ticu!
J¨ parrava...parrava
senza diri nenti,
riparannumi
di na curpa ca non c'era,
e tu, muta-muta,
dicevi 'sý' cu la testa
saziannuti
di ogni gestu miu,
di ogni passu...
Sora-sora,
mi scatinasti dintra
na timpesta!
Scinnýi li scali
cu lu pettu di focu
e na li labbra
li suli palori
ca non ti sÓppi diri:
Scusami, Ma',
si divintai granni...
La vita allarga l'ali,
e li celi sunnu tanti...
Ammucciavi na lacrima.
E non poi sapiri mai
ca ju, n-menzu a la fudda,
mi n'agghiuttýi un mari!


Il carteggio comprendente le 20 poesie: 10 del D'Agata e 10 di Carlo Trovato.

Dieci poesie scelte di Enzo D'Agata e Carlo Trovato.

CAVALERI

"Attia, porta 'ssu b¨mmulu!"...
E tu currevi...
Furriavi comu 'n-tuppŔttiru
scalcagnatu e nta n'acqua
pi tuttu lu canteri.

"AnnÓchitý, 'mmuccalapuni!...
ůE rampi e faddacchi,
e scali e puntili...

Nfarinatu di quacinazzu,
abbraccettu a lu b¨mmulu,
acchianavi e scinnevi
comu 'n-surgi, stricÓnnuti
lu pusu nta la nasca
sempri nzunzata frisca.

Assai n'assuppasti
papÓgni e sc˛ppuli
senza pipitiari, sutta
'n-cappiddazzu di giurnali...

'Nsutta-sutta, per˛,
mutu e soru, cu dd'ucchitti
di lucirtuni spatajolu,
scippavi
a li "cacocciula" chi¨ ntýsi
lu misteri di li manu.

...E cu l'ava a diri
ca nta parmu
di pettu smŔusu
spaziÓvanu voli d'Ócula?..

     

Mancu Diu si
ca 'ncocciu di muccu
puteva parturiri na balena...

AbbrancicÓnnuti
cu l'ugna e cu li denti
ti lassasti a li spaddi
eserciti immensi
di zappaturi d'acqua
e mýtituri di ventu.

Acchianasti, miatiddu!
Abbrancicasti chi¨ di quantu
t'appateva lu cori
panfinu ca t'assittasti
supra lu jimmu di l'arcubalenu.

Ora si' Cavaleri...
Ora, patroni di n'imperu,
sputi sintenzi
e zuttýi cu l'occhi
branchi di sagnetti allupati
ca ti sbÓvanu a li pedi
comu a lu santu di la vara...

...Ma nudda ricchezza,
nudda strapotenza
ti po' sdradicari
di li ncÓgghi di l'anima
l'ecu anticu
di 'nfamusu riturnellu:

"Attýýýýaaaů.porta
'ssu bummulu!!!..."


Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana   Lavora con noi. Antica Compagnia Siciliana

Altre informazioni su Carlo Trovato sono pubblicate sul periodico "JU, Sicilia" edito dal CSSSS di Catania.

POTETE FARE UNA DONAZIONE PER SOSTENERE UN PROGETTO DEL CSSSS

Donate

Libri in Lingua Siciliana

Personaggi    Torna alla Homepage

Scrivici !


Se si parla di Sicilia: CSSSS!


Tutti i diritti sono riservati- Copyright 1996-2022
© Centro Studi Storico-Sociali Siciliani Catania